lunedì 20 dicembre 2010

Crassule

I fiori del mese, le crassule:

questa è la Crassula perfossa, originaria del Sud Africa:



Un particolare dei fiori:




Questa invece è una cultivar, cioè una varietà nata da incroci interspecifici, la Crassula cv.Springtime:

La piantina in basso a sinistra è un Adromiscus festivus, anch'esso una pianta endemica del Sud Africa.
Ed ecco i fiori della Springtime:

martedì 14 dicembre 2010

Foto invernali, Gallinara

Un po' di foto invernali, scattate in pomeriggio. Sono giornate di sole, ma l'aria è fredda, di notte pochi gradi sopra lo zero, di giorno col sole e quasi senza vento non si sta' male...

Le prime due sono scattate da seduto nel mio "salotto" sotto l'ulivo:





Queste invece sono scattate con lo zoom, due vedute parziali dell'isola Gallinara:



mercoledì 10 novembre 2010

Nuovi capretti

Ed ecco un po' di foto di capretti, lo scorso W.E. ci sono stati alcuni parti e già dopo due giorni i giovani capretti fanno branco giocando tra loro nei punti più scoscesi, mentre le madri recuperano energie mangiando carrube e pane secco, oltre alle erbe della macchia mediterranea
















La cosa ridicola è vedere i maschietti nati da tre giorni che cercano di montare delle caprette adulte... almeno lo facessero con quelle della loro età...

domenica 7 novembre 2010

Haemanthus albiflos

  Due anni fa' ho ricevuto da un amico un piccolo Haemanthus albiflos fatto da seme, finalmente posso vederne il fiore, bello e originale. Anche il fogliame è decorativo







E' una pianta di origine sudafricana, vuole una posizione di mezz'ombra, una volta all'anno emette un paio di foglie nuove ed il fiore

mercoledì 3 novembre 2010

Agavi in vaso

Ancora qualche foto delle piante in vaso,  Aloe e Agave



Aloe doroteae, unica dal colore rossastro tra le altre verde azzurro.




Agave bracteosa  (a destra) e A.americana mediopicta alba




Agave potatorum cv. Shoji Raijin ,
una miniagave da vaso




ed infine Agave guadalajarana,  che la prossima primavera verrà piantata in terra, è una specie di notevoli dimensioni.

venerdì 29 ottobre 2010

Aizoaceae e altre

E' arrivata la stagione che si sta' volentieri in serra, dove molte piante aspettano il rinvaso.

Ecco qualche piccola curiosità:



Alcune Faucaria in fiore, il nome deriva dalle foglie a forma di bocca dentata aperta



I fiorellini del Piaranthus, che stufo di aspettare il rinvaso se ne và a spasso



Una rara Crassula deceptor



Crassula Buddha's Temple, tempio di Budda per la forma delle foglie che ricordano un tempio orientale.

sabato 16 ottobre 2010

Aloe zebrina in fiore

Ottobre è un mese insolito per la fioritura delle Aloe, ma l'Aloe zebrina ha scelto proprio questo mese per fiorire






Queste invece sono le mie due piante di Litchi chinensis, pronte per affrontare il loro terzo inverno, a cui seguirà, spero, una primavera con la prima fioritura...




Anche l'Avocado (Persea americana) è stato trapiantato a primavera 2008, ma è di crescita molto più rapida, in cinque anni dalla semina è diventato un albero.

giovedì 23 settembre 2010

Barcaggio, ostriche e dentici

La vacanza a Barcaggio procede bene, ho anche una connessione abbastanza veloce.

Alcune foto:





La vista dalla mia saletta da pranzo




E quello che c'è in tavola




I dentici che pesca il mio padrone di casa, quello piccolo da due kg. me lo ha regalato.  

lunedì 13 settembre 2010

Settembre di pesca

Sono in vacanza in Corsica sino a fine settembre, ecco dove sono:





E questa è la Tour Santa Maria, la zona di pesca preferita:





dal mio blog CorsicaFoto

giovedì 2 settembre 2010

Qualche specie di Aloe

Che Agave ed Aloe abbiano un antenato in comune è abbastanza evidente, poi col distacco del continente americano dall'Europa ed Africa le due piante si sono evolute su vie leggermente diverse dando origine a numerose specie (qualche centinaio per entrambe).

L'Agave è originaria del continente americano e si differenzia sopratutto dall'Aloe perchè, salvo rare eccezioni nelle specie più piccole, la fioritura è l'estremo atto della pianta che poi secca. L'Aloe invece è endemica di Africa e Asia, fiorisce appena è adulta e ripete la fioritura ogni anno, alcune specie anche più volte all'anno, e la fioritura non comporta la morte della pianta.

Pur essendo una pianta succulenta sopporta discretamente le basse temperature, alcune specie vivono in zone montagnose soggette a nevicate, altre in deserti con scarsissima piovosità.

Ecco qualcuna delle mie:



Aloe microstigma , una specie dai bei colori, sopratutto in estate con la siccità le foglie assumono delle tonalita rosso violacee che fanno risaltare maggiormente la puntinatura bianca e le spine rossastre.



Aloe plicatilis , un'Aloe inerme, dalle foglie opposte e mai a rosetta, fioritura rossa, appariscente



Da sinistra: Aloe chabaudii, colore blu con sfumature viola in inverno, Aloe tigrina, Aloe sinkatana.



Da sinistra, davanti: Aloe longistila, una specie piccola dal bel colore azzurro e spine ben evidenti, Aloe juvenna, piccola ma che accestisce molto e cresce discretamente in altezza, Aloe dorotheae, specie piccola , accestente, in inverno diventa quasi rossa e fiorisce frequentemente, anche in questo periodo.

Dietro: Aloe mubendiensis e Aloe rupestris, due specie dalla crescita anche notevole nel loro ambiente naturale (spero meno nel mio per questione di spazio).



Aloe broomii, una specie delle zone molto aride, una delle più simili alla cugina Agave, spine molto dure e foglie poco carnose.



Aloe glauca, il nome specifico descrive bene il colore delle foglie, bella fioritura simile all'arborescens.



Aloe vera, a destra Aloe saponaria, allo stato brado... l'A. vera ha fiori giallastri, non molto belli, la saponaria invece ha fiori di un bel rosso corallo.



Aloe arborescens, una specie dalle ottime caratteristiche medicinali, sembra anche superiore all'A.vera. Fioritura molto bella,  rossa. E' il rifugio preferito da Gimmi, di li può controllare l'ingresso e ripararsi dal sole.

lunedì 23 agosto 2010

Il nuovo orto

La scorsa estate è finita la ricostruzione dell'ultimo terrazzamento, utilizzando le pietre dei vecchi muri a secco crollati, poi ho spianato e riempito con terriccio preso dalla scarpata adiacente. In inverno avevo piantato le fave per preparare il terreno all colture estive e in primavera, tolte le fave, ho messo pomodori, melanzane, fagiolini, meloni e angurie.



Melanzane di tutti i colori:



Fagiolini rampicanti dolici:




Una vista dell'orto dall'alto, con la macchia mediterranea che mi circonda:




Ed infine gli addetti alla sorveglianza, Gimmi e Ferro, pronti a scacciare gazze e fagiani che vorrebbero banchettare con i pomodori maturi.



Tutti gli anni i cacciatori liberano dei fagiani allevati a granaglie, che ovviamente non trovano nel bosco e tra i rovi, così cercano un nutrimento facile in orti e giardini adiacenti, sino al giorno di inizio della stagione venatoria, quando quei pochi sopravissuti a volpi e gatti finiranno miseramente impallinati.

lunedì 16 agosto 2010

Ferragosto


BUON FERRAGOSTO!



Nel giardino sottostante è fiorita un'Agavr americana, un anno o l'altro fiorirà anche la mia Agave ferox...     

venerdì 30 luglio 2010

Canne e cactus in fiore


Alcune delle canne piantate in primavera sono in fiore:



Canna indica var. Omega, foglie verdi molto grandi, fiore bello ma non molto vistoso.



Canna indica var. Roma, vegetazione più bassa ma fiore molto bello.

Ed infine il Cereus exagonus, il fiore molto profumato si apre di notte, la foto è del mattino quando  inizia già un po' ad appassire. Come tutti i cactus a fioritura notturna il fiore è bianco, non è il colore che deve attirare gli animali impollinatori ma l'intenso profumo.

 
Template by Blografando || Distribuito da Adelebox